TV: DTT; META, MANOVRE MINISTERO PER AVVANTAGGIARE MEDIASET

TV: DTT; META, MANOVRE MINISTERO PER AVVANTAGGIARE MEDIASET
ROMA
(ANSA) – ROMA, 8 SET – “La lunga storia della televisione italiana è ricca di scelte fatte o subite temporaneamente e poi sanate come avvenne con il Decreto Berlusconi-Agnes e la Legge Mammì, detta anche legge fotografia, che sanarono l’anomalia delle televisioni di Berlusconi spianando la strada al duopolio che ha ingessato la qualità  e l’obiettività  dell’offerta televisiva nel nostro Paese”. Lo afferma il deputato e capogruppo del pd in commissione Telecomunicazioni alla Camera, Michele Meta, commentando la nota del Ministero allo Sviluppo Economico che smentisce di fare un regalo a Mediaset concedendole un canale per la sperimentazione. “Ecco perché, semplicemente, chiunque sia dotato di buonsenso e di memoria lunga – continua Meta – non può che sospettare che dietro le mosse del Ministero guidato ad interim dal Premier ci siano manovre per avvantaggiare le proprie tv a danno del pluralismo alla vigilia dello switch-off nel nord del Paese, ponendo le condizioni per riprodurre il duopolio dell’analogico anche nel digitale terrestre”.(ANSA).
COM-STF/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi