Comunicazione, Televisione

08 settembre 2010 | 14:22

COMUNICAZIONI: INCONTRO REGIONI-CORECOM, PIU’ ATTENZIONE A TV LOCALI

COMUNICAZIONI: INCONTRO REGIONI-CORECOM, PIU’ ATTENZIONE A TV LOCALI
(ASCA) – Roma, 8 set – Si e’ svolto questa mattina l’incontro tra il presidente della Conferenza delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Provincie autonome e Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni, il Presidente del Consiglio regionale della Puglia Onofrio Introna per la Conferenza capofila sulla materia, e il Coordinamento dei Comitati regionali delle Comunicazioni (Corecom), guidato dal presidente Francesco Soro. Nel corso dell’incontro e’ stato deciso di intensificare le relazioni istituzionali con l’obiettivo di affrontare le molte questioni cruciali che interessano il settore delle comunicazioni, soprattutto a livello locale. Uno dei primi obiettivi emersi dall’incontro e’ stato quello di individuare le piu’ efficaci forme di sostegno e tutela delle emittenti tv locali, che ormai rappresentano un punto di riferimento prezioso nell’ambito dell’informazione locale e territoriale. Emittenti che in questa fase stanno attraversando gravissime difficolta’. (SEGUE)

COMUNICAZIONI: INCONTRO REGIONI-CORECOM, PIU’ ATTENZIONE A TV LOCALI
”Non dobbiamo dimenticare come in un panorama sempre piu’ globalizzato dell’informazione, le emittenti locali svolgono un ruolo essenziale nell’assicurare la tutela dei valori identitari del regionalismo italiano, preservando la cultura locale e rappresentando una fonte di comunicazione sempre piu’ autorevole nei confronti dei cittadini. E’ quindi doverosa – ha spiegato Davide Boni -un’azione sinergica che possa tutelare il loro impegno a la loro professionalita”’. ”Complessivamente, a livello locale – ha aggiunto Francesco Soro – il mondo delle comunicazioni sta affrontando una radicale trasformazione che obbliga la politica ad una rinnovata attenzione. Penso alle molte tv locali che oggi rischiano di essere spazzate via, ma penso anche alle moltissime imprese che pagano un prezzo altissimo per non poter usufruire ancora in modo adeguato di una infrastruttura essenziale come la banda larga. Un servizio di richiesto con sempre maggiore forza anche dai cittadini, e per questo credo sia particolarmente importante il percorso avviato oggi per rafforzare l’incisivita’ della nostra azione”.