Clerici: Sabato è serata ideale per ‘Ti lascio una canzone’

Apc-Rai/ Clerici: Sabato è serata ideale per ‘Ti lascio una canzone’
‘In ogni caso obbedisco, ma week-end è la collocazione migliore’

Roma, 10 set. (Apcom) – “La serata ideale per ‘Ti lascio una canzone’ è il sabato, ma obbedisco”. Ne è convinta Antonella Clerici, che da questa sera torna su Raiuno con il programma musicale e i suoi giovanissimi interpreti. “Questa sera mi sovrappongono alla fiction con protagonista Gabriel Garko, ‘Il peccato e la vergogna’ – ha dichiarato la conduttrice – io penso che la fiction sia un osso duro perché è partita prima. E’ chiaro che ha forza, mi vede svantaggiata. Lo spostamento da mercoledì a venerdì credo sia stato fatto per tutelarmi. Ma non sono io a decidere. Stasera andiamo in onda, vediamo come va la puntata. Io ho sempre detto che per me la serata storica di ‘Ti lascio una canzone’ è il sabato sera, perché è un programma del sabato sera.
Ovvio che se andasse in onda il sabato si scontrerebbe con programmi forti, ma io ubbidisco. Per me l’ideale è il week end, è un programma con bambini dedicato a bambini e famiglie”.

Intanto, l’azienda starebbe anche pensando di spostare ‘Ti lascio una canzone’ dal venerdì al mercoledì sera. ‘”Stiamo valutando tra i tre programmi di intrattenimento, quali mandare in onda il mercoledì, venerdì e sabato – ha detto il direttore di Raiuno Mauro Mazza – questo per tutelarli e non per danneggiarli”.

E su Sanremo la conduttrice ammette di non aver avuto richieste, ma precisa: “Ho preceduto la domanda di condurre Sanremo, non mi è stata rivolta perchè ho detto subito no. Sanremo ti svuota – continua – due anni di seguito rischi di fare la stessa cosa, non l’avrei fatto subito”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi