New media

10 settembre 2010 | 16:36

LIBRI: WORLD WIDE WE, AZIENDE IN RETE ASCOLTANO LE PERSONE

LIBRI: WORLD WIDE WE, AZIENDE IN RETE ASCOLTANO LE PERSONE
(NOTIZIARIO LIBRI)
TRIESTE
(ANSA) – TRIESTE, 10 SET – MAFE DE BAGGIS, WORDL WIDE WE (APOGERO EDITORE, 218 PP., EURO 15,00) Dal “target” alla “community”, da un indistinto obiettivo di campagne di masse – che stanno diventando sempre più noiose e ripetitive – alla cura del singolo cliente, da cui attendere osservazioni e simpatia: è l’evoluzione della comunicazione delle aziende nell’apoca di internet, così come la intende Mafe De Baggis, consulente e blogger, fondatrice di ‘Daimon’, società  che segue non solo aziende ma anche attività  editoriali e professionisti. Lo stesso titolo, omettendo volutamente la “B” e trasformando il web in una comunità  di “noi”, indica quella che è l’idea guida di un corretto approccio agli strumenti del web “sociale”: in rete ci sono soggetti, non “obiettivi” (target), le aziende sono costrette prima o dopo a diventare sempre più trasparenti, ad ascoltare e non solo a imporre modelli. Da qui una guida alla presenza di un’azienda sui social media, che non riguarda tanto la “colonizzazione” di spazi come Facebook o Twitter, magari “appaltandoli” a consulenti esterni, ma partendo dai bisogni, magari nascosti ma reali, delle persone che “abitano” la Rete. De Baggis ne è convinta: usare bene i social media può far aumentare i profitti delle aziende rendendo felici i clienti. Il marketing digitale non si improvvisa, comunque, ma richiede una riorganizzazione delle aziende, pensando a dotarle di una sensibilità  per la “community”. Al di là  dell’organizzazione (necessaria e che lpautrice descrive in maniera accurata) l’essenza del web sta proprio in questo: stringere relazioni interessanti e gratificanti con altre persone. (ANSA).