New media

20 settembre 2010 | 8:38

INTERNET: WSJ; BAMBINI ‘SEGUITI’ ON LINE PIU’ DEGLI ADULTI

INTERNET: WSJ; BAMBINI ‘SEGUITI’ ON LINE PIU’ DEGLI ADULTI
IN USA SITI TEENAGER HANNO 30% PIU’ COOKIE RISPETTO A GRANDI
NEW YORK
(ANSA) – NEW YORK, 18 set – Bambini e teenager sono più ‘seguiti’ on line degli adulti: un’indagine del Wall Street Journal rivela infatti che sui 50 siti americani più popolari per bambini e teenager sono installati 4.123 cookie, beacon e altre tecnologie per monitorare e tenere sotto osservazione i navigatori. La quota è decisamente più elevata, +30%, rispetto ai cookie rintracciati sui 50 più popolari siti americani destinati agli adulti. I dati dei navigatori raccolti seguendoli online servono a tracciare il profilo del navigatore stesso, almeno nelle sue attività  in rete, e poi venduti a società  pubblicitarie e non. I dati non includono il nome, ma l’età , i gusti, gli hobby, le abitudini di shopping e la città  di appartenenza. La vendita di dati è un fenomeno “legale che però si presenta controverso quando questi riguarda i più giovani. Collezionare dati sui minori è un’attività  regolamentata, anche se in modo lieve. Le uniche restrizioni federali – osserva il Wall Street Journal – riguardano l’obbligo di chiedere il consenso dei genitori per ottenere il nome e altre informazioni personali per coloro che hanno meno di 13 anni e solo in determinate circostanze”. (ANSA).
DRZ/ NIE S0B QBXB