UNICREDIT: TOSI, NON TUTTO VA VENDUTO A STRANIERI

UNICREDIT: TOSI, NON TUTTO VA VENDUTO A STRANIERI
VENEZIA
(ANSA) – VENEZIA, 22 SET – “Non mi interessa nulla di Profumo ma la difesa dell’italianità  perché certe cose non possono essere vendute agli stranieri”. Lo afferma Flavio Tosi, sindaco leghista di Verona, sulla vicenda Unicredit che ha portato alle dimissioni dell’Ad Alessandro Profumo dopo la salita libica all’8% nell’istituto. Per Tosi, intervistato a “Mattino Cinque”, “lo Stato deve difendere le nostre banche specie se si tratta di una realtà  nazionale e importante come Unicredit”. Una banca che, rileva Tosi, “potrebbe avere 4000 esuberi” e quindi solo l’Italia – sottolinea – può fare gli interessi di Unicredit e dei suoi lavoratori. “Non ce l’ho con Gheddafi – avverte Tosi – ma i libici farebbero solo i loro interessi”. (ANSA).
BCN/ S41 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi