TV: RUGGERI, X FACTOR DIVERSO, NON ALEGGIA FANTASMA MORGAN

TV: RUGGERI, X FACTOR DIVERSO, NON ALEGGIA FANTASMA MORGAN
(V. ‘MUSICA: ENRICO RUGGERI CHIUDE TOUR…’ DELLE 16.11)
MILANO
(ANSA) – MILANO, 23 SET – Con tre nuovi giudici su quattro, sembra si respiri un’aria diversa a ‘X Factor’ e, secondo Enrico Ruggeri, “non aleggia il fantasma di Morgan, visto che la formula è molto cambiata e tutto sta andando bene”. Tirando un primo, parziale bilancio della sua esperienza come giudice e caposquadra nel talent show di Raidue, Ruggeri si è detto molto coinvolto dai meccanismi della trasmissione: “Parlo di musica tutti i giorni, è un gioco interessante, divertente, faticoso che mi prende molto, ma senza dimenticare che in ballo c’é la vita di tanti giovani, per i quali dobbiamo avere rispetto”. Dei primi battibecchi con Elio durante le puntate, “ancora non ho capito quanto ci sia di serio e quanto di scherzoso perché lui non fa trapelare qual è la sua percentuale di ironia e ci marcia”. D’altra parte, ha aggiunto, “é difficilissimo volersi bene fra giudici nel periodo di X Factor e io, per difendere un mio artista, litigherei anche con mio fratello”. Intenzionato a premiare “i campioni di personalità  e non per forza di tecnica”, Ruggeri ha detto che sarà  poi il tempo a mostrare se i fuoriusciti da X Factor saranno veri talenti o eroi di una stagione. A Milano per presentare i tre concerti che chiuderanno il suo tour, il cantante è anche tornato sulle polemiche che hanno circondato l’uscita di Morgan: “Vengo giudicato molto severo, ma ho solo detto che un artista, oggi, si deve prendere delle responsabilità  perché con Internet e le nuove tecnologie ci sono meno filtri. Quindi è bene che stia molto lucido”. (ANSA).
YWA-RT/ S42 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi