RAI: REFERENDUM DI USIGRAI, FNSI E ARTICOLO21 PER SFIDUCIARE MASI

RAI: REFERENDUM DI USIGRAI, FNSI E ARTICOLO21 PER SFIDUCIARE MASI
(AGI) – Roma, 30 set. – Un referendum con l’obiettivo di verificare lo stato di fiducia dei giornalisti Rai verso il direttore generale di viale Mazzini, Mauro Masi. L’iniziativa e’ dell’Usigrai unitamente alla Fnsi e all’Associazione Articolo21 e dovrebbe tenersi entro un paio di settimane, non appena i garanti del sindacato dei giornalisti Rai lo avranno deciso. Nel corso della conferenza stampa all’aperto, all’esterno della sede Rai di Viale Mazzini, il segretario dell’Usigrai Carlo Verna, il presidente della Fnsi Roberto Natale e il portavoce di Articolo21, il parlamentare Giuseppe Giulietti, hanno spiegato che questa azione ha l’obiettivo di togliere il bavaglio alla Rai. “Siamo gia’ ad un punto di non ritorno – hanno spiegato – e l’ultima goccia e’ la circolare relativa ai programmi di approfondimento giornalistico e ai talk-show approvata ieri a maggioranza dal CdA (Masi, comunque si e’ impegnato ad estenderla anche ai Tg, ndr). E’ una circolare che non puo’ essere applicata”. Usigrai, Fnsi e Articolo21 sottolineano “non e’ un problema dei giornalisti ma e’ un diritto dei cittadini ad essere informati”. Da rilevare che il spoglio del referendum dovrebbe avvenire nella sede della Fnsi, “quale ulteriore garanzia – ha spiegato Natale – a supporto di una iniziativa contro il bavaglio dentro e fuori la Rai”, un bavaglio – ha aggiunto – che buona parte della societa’ italiana non vuole perche’ ha capito quanto sia vitale l’informazione e non vuole farsi scippare il diritto di informazione”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi