Belpietro/ Rampelli: Attentato è figlio di clima avvelenato

Apc-Belpietro/ Rampelli: Attentato è figlio di clima avvelenato

“Italia di nuovo nel porto delle nebbie”

Roma, 1 ott. (Apcom) – “Non c’è dubbio che l`attentato a Belpietro sia figlio di un clima avvelenato che ha riportato l’Italia nel porto delle nebbie: instabilità , congiure, trame, opposizione sempre sopra le righe”. Lo sostiene il deputato del Pdl, Fabio Rampelli, che aggiunge: “Solo al termine degli anni di piombo si cominciò ad analizzare il contesto nel quale maturò la lotta armata e si definì `brodo di coltura del terrorismo` quella somma di fattori ambientali, sociali e culturali da cui scaturì la spirale d’odio che sparse tanto sangue innocente”.

“Ognuno – conclude Rampelli – dovrebbe interpretare il proprio ruolo ricordando costantemente che, prima del proprio interesse c’è il bene dell’Italia. Al direttore di Libero giunga la mia solidarietà  per questa vigliaccata, unitamente alla stima verso di lui e all’apprezzamento per il lavoro del suo quotidiano”.

Red/Arc

011506 ott 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi