CLASS ACTION:UPA, ANCHE AZIENDE CORRETTE SONO PIU’ TUTELATE

CLASS ACTION:UPA, ANCHE AZIENDE CORRETTE SONO PIU’ TUTELATE
COURMAYEUR (AOSTA)
(ANSA) – COURMAYEUR (AOSTA), 2 OTT – Gli investitori pubblicitari italiani guardano ora con più fiducia alla class action, considerandola non solo una forma di tutela del consumatore, ma anche uno “strumento di tutela delle aziende corrette rispetto a quelle scorrette”. Lo ha spiegato oggi Giovanna Maggioni, direttore generale Utenti pubblicità  associati (Upa) a Courmayeur, intervenendo alla tavola rotonda del convegno ‘Class action: il nuovo volto della tutela collettiva in Italia’, organizzato dalla Fondazione Courmayeur e dal Centro nazionale di prevenzione e difesa sociale. “La preoccupazione delle aziende associate nei confronti della class action c’é stata, ma ora è un po’ diminuita in questo periodo – ha spiegato Maggioni – proprio perché si è visto che innanzitutto un’azione scorretta di un’azienda sfavorisce anche i concorrenti, quindi, da un certo punto di vista, è una tutela che l’azienda che si comporta correttamente ha nei confronti di un’azienda scorretta”. La normativa sulla class action è considerata dagli investitori pubblicitari “sufficientemente tutelante per le aziende – ha detto ancora il direttore generale di Upa – per non incorrere in rischi infondati perché questo poteva essere il vero problema”. (ANSA).
XGR/FCO S0A S56 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro