EDITORIA: FNSI, DECINE TESTATE A RISCHIO, GOVERNO INTERVENGA

EDITORIA: FNSI, DECINE TESTATE A RISCHIO, GOVERNO INTERVENGA
DOMANI CONFERENZA STAMPA CON LE ASSOCIAZIONI DI SETTORE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 4 OTT – Fnsi, Mediacoop, Articolo21 ed il Comitato per la libertà  di informazione e per il pluralismo, hanno convocato per domani, martedì 5 ottobre, alle ore 13 presso la sala Nassiriya del Senato, una conferenza stampa per “illustrare la situazione del settore editoriale e sollecitare il Governo a definire un intervento straordinario in attesa della promessa riforma del settore”. Lo comunica la Fnsi precisando che si tratta “della medesima richiesta avanzata, in modo bipartisan e più volte, da Camera e Senato ed in particolare dall’appello rivolto al Governo da 360 deputati il 18 febbraio scorso”. Accanto alle associazioni promotrici saranno presenti giornalisti, Cdr delle testate interessate nonché parlamentari, tra cui Vita (Pd), Butti (Pdl), Lusi (Pd) e Mura (Idv). “La difficile congiuntura che sta attraversando gran parte del settore editoriale – spiegano i promotori della conferenza – sta mettendo a rischio di chiusura oltre novanta testate, tra quotidiani e periodici, di idee, cooperative, non profit, di partito, edite e diffuse all’estero, con la perdita di circa 4500 posti di lavoro. Alcune potrebbero chiudere già  prima della fine dell’anno. Il sistema dell’informazione non sarebbe più come prima. Sarebbero scomparsi giornali, anche storici e di grande valore culturale, sarebbe più povero il dibattito politico, sarebbero chiuse tante pagine che raccontano la vita delle comunità  locali, si indebolirebbe il legame con i nostri connazionali all’estero”. (ANSA).
TH/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari