Televisione

05 ottobre 2010 | 15:16

TV: DOPO GARKO-ARCURI,SU CANALE 5 ARRIVANO LIOTTI-PONCE

TV: DOPO GARKO-ARCURI,SU CANALE 5 ARRIVANO LIOTTI-PONCE/ANSA
+++RPT CON TITOLO CORRETTO+++
ROMA
(Di Nicoletta Tamberlich) (ANSA) – ROMA, 5 OTT – Dopo aver interpretato, santi, preti e giusti, arriva sulle schermo nei panni del ‘Duca’, un boss “cattivo ma combattuto tra malavita e redenzione per amore di una donna. Anche se il suo è un destino segnato”. Daniele Liotti è il protagonista di Le due facce dell’amore, la nuova fiction in 6 puntate in arrivo da domani su Canale 5 che tenterà  di bissare il successo di ascolti del Peccato e La Vergogna. Girata quasi interamente in Argentina, è un melò a due facce, come spiega Giancarlo Scheri, responsabile di Fiction Mediaset: “duro e struggente, tenero e appassionato. Ma dove non mancano degrado e violenza”. La regia è di Monica Vullo e Maurizio Simonetti. Prodotto da Rti e realizzato da Roberto Sessa per FremantleMedia. Nathalie Rapti Gomez, Lorenzo Flaherty e Lola Ponce, sono gli altri protagonisti. Una storia d’amore intensa e appassionante, vissuta sullo sfondo di una borgata romana dove il sogno di un amore romantico (Liotti-Gomez) si scontra con una realtà  dura e violenta popolata da giovani delinquenti e ragazze in cerca di una vita migliore. Un melò a due facce, come spiega Giancarlo Scheri, responsabile di Fiction Mediaset: “duro e struggente, tenero e appassionato. Che speriamo coinvolga il pubblico. Soprattutto quello femminile visto che abbiamo scelto non a caso di mandarlo in onda il mercoledi”, giorno dedicato al calcio”. Adattata dalla serie colombiana ‘Sin Tetas No Hay Paraiso’, dall’omonimo bestseller di Gustavo Bolivar, già  trasmessa con enorme successo in gran parte del Sudamerica oltre che in Spagna (“noi – spiga Scheri la regista Vullo – ci siamo ispirati di più alla versione spagnola), la serie racconta la storia d’amore di Caterina (Nathalie Rapti Gomez) una ragazza giovane e dai solidi principi e Alessandro (Daniele Liotti) detto il Duca, suo primo amore d’infanzia diventato uno spietato e potente boss della malavita romana. “Una passione travolgente- racconta la Rapti Gomez che in conferenza stampa arriva a commuoversi alle lacrime: nessun amore nella mia vita mi ha fatto soffrire come questo personaggio, così puro e ingenuo), un amore impossibile fra due mondi opposti che trascinerà  Caterina oltre i suoi principi, tra feste di lusso, delinquenti e malavita organizzata, nell’ambiente da cui il Duca vorrebbe proteggerla”. Intorno alla storia del Duca e di Caterina si intrecciano le vicende della bella e spregiudicata Jessica (Lola Ponce) sua rivale in amore disposta a tutto pur di uscire dalla periferia: “é una sorta di duca al femminile. Una bellezza particolare – racconta la travolgente e ironica cantante e attrice – che non esita a svendere anche se preferisce usare altre ragazze. E’ determinata è vuole uscire dal quartiere dove è cresciuta e far carriera”. Lorenzo Flaherty, è l’ispettore Diego Torre che segue le tracce del Duca e i traffici della sua banda criminale: “Per me ancora un uomo di giustizia – racconta l’attore che il pubblico ha amato molto nei Ris e in Distretto di Polizia – ma diverso da quelli precedenti”. Torre soffre di disturbi ossessivi-compulsivi, maniaco dell’ordine, si sente male alla vista del sangue, ama la tecnologia perché asettica, efficiente e impersonale. Mostra un fastidio represso a fatica per i contatti fisici. “Quando me lo hanno proposto ero titubante. Ma le tante sfaccettature della sua personalità  mi hanno stimolato. Flaherty annuncia un nuovo lavoro per Canale 5: “una rivisitazione in chiave moderna del Conte di Montecristo in 8 puntate”. Liotti, a cui era stato proposto di interpretare lo stesso ruolo nella versione spagnola (‘ma contemporaneamente è arrivata la proposta italiana), racconta di essersi ispirato a Scarface, “rivedendo Al Pacino, decine e decine di volte”. Ma é stata soprattutto l’occasione per “esplorare” zone, dell’animo e della psiche di se stesso che non conosceva: “Mi sono affidato – dice Liotti – anche a uno psicologo”. Lo vedremo prossimamente al cinema insieme a Vinicio Marchioni, Donatella Finocchiaro, Claudia Pandolfi, Massimo Popolizio, nel film ‘Sulla Strada di casa’, del regista esordiente Emiliano Corapi. (ANSA).
TH/MA S0B QBXB