Editoria/ Fammoni (Cgil): Convocare al più presto stati generali

Editoria/ Fammoni (Cgil): Convocare al più presto stati generali
In modo che tutti possano assumersi chiare responsabilità 

Roma, 5 ott. (Apcom) – Convocare al più presto gli stati generali dell`editoria, “farlo prima che sia troppo tardi e in modo che tutti possano assumersi chiare responsabilità “. E` quanto affermato oggi segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni, intervenendo alla conferenza stampa su ‘Editoria, contributi diretti e tariffe postali’.

Il dirigente sindacale ha denunciato “la volontà  del Governo, che si è manifestata appena si è insediato, di tagliare sull`editoria ed è proseguita con atti successivi che portano oggi alla pesante riduzione dei fondi effettivi, alla cancellazione del diritto soggettivo e all`aumento delle tariffe postali”.

Una situazione, per Fammoni, “drammatica che porta alla chiusura di testate e alla conseguente perdita di lavoro. Anche con questi atti si colpisce la libertà  di informazione e si aumentano – ha concluso – le difficoltà  di un settore produttivo importante”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari