RAI TRADE: SOPHIA LOREN ‘STAR’ AL MIPCOM DI CANNES

RAI TRADE: SOPHIA LOREN ‘STAR’ AL MIPCOM DI CANNES
(AGI) – Roma, 6 ott. – ‘La mia casa e’ piena di specchi’, la miniserie con Sophia Loren ed Enzo De Caro prodotta da Rai Fiction, e’ uno dei prodotti piu’ richiesti al Mipcom di Cannes. Lo si legge in una nota di Rai Trade dove si precisa che “Rai Trade ha gia’ concluso diversi accordi per portare il film diretto da Vittorio Sindoni nelle televisioni di Russia, Thailandia, Giappone, Albania, Tuirchia e Georgia”. Il successo della miniserie, “e’ attribuibile al marketing mix testato su questo prodotto per la vendita internazionale ? spiega nella nota Carlo Nardello, Amministratore Delegato di Rai Trade – il doppiaggio del film e’ stato realizzato dalla stessa Loren per trasformare in vantaggio strategico la debolezza di un film girato in italiano. Dal punto di vista della distribuzione la forza vendita internazionale di Raitrade ha convinto i responsabili della programmazione dei grandi broadcasters internazionali a dare l’ordine di acquisto ai loro buyers. Il prezzo di vendita e’ sempre stato competitivo per raggiungere il duplice obiettivo di creare risorse incrementali e di diffondere il patrimonio dei nostri valori culturali nel mondo. Questa combinata azione di marketing e’ stata supportata da un sistema di comunicazione all’avanguardia che e’ garantito dalla presenza in tutti i mercati e festival dei 5 continenti”. Agli accordi gia’ siglati, si aggiungono le trattative in via di definizione. Cosi’ ‘La mia casa e’ piena di specchi’ potrebbe finire anche in territori ampi come l’America Latina – conclude la nota – la Scandinavia e l’Est Europa.
    Red/Pat

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi