TLC

06 ottobre 2010 | 16:58

Tlc: Calabro’; no a scorciatoie, serve rete veramente aperta

06 Oct 2010 17:54 CEDT Tlc: Calabro’; no a scorciatoie, serve rete veramente aperta
ROMA (MF-DJ)–”L’Autorita’ dettera’ regole che, nell’ambito di una rete aperta, garantiscano l’equilibrio fra la concorrenza basata sulle infrastrutture e il premio per il rischio di investimento, tutelando l’accesso alla fibra in condizioni di piena concorrenza”. Lo ha affermato il presidente dell’Agcom, Corrado Calabro’, nel corso del suo intervento in audizione al Senato, parlando della realizzazione della rete di nuova generazione.

“L’Autorita’ -ha proseguito- non tollerera’ scorciatoie rispetto alla realizzazione di una architettura di rete veramente aperta, che favorisca la concorrenza infrastrutturata; dall’altra parte, l’Autorita’ riconoscera’ sia il giusto premio per gli investimenti, sia che qualunque costo aggiuntivo che riguardi la realizzazione di una rete aperta venga proporzionalmente ripartito a carico dei beneficiari”. Per Calabro’, diversamente da quanto avvenuto per la rete in rame, per la rete in fibra “l’apertura della rete puo’ e deve essere affrontata insieme alla sua realizzazione”.

Calabro’ ha garantito inoltre che l’Agcom dara’ “certezza delle modalita’ e dei tempi” della transizione dal rame alla fibra. “Poche regole e certe -ha concluso- che siano di stimolo e non di freno”.

Il presidente di Agcom ha poi sferzato il settore pubblico a fare di piu’, “anche solo limitandosi a coordinare gli interventi e a promuovere azioni di stimolo a costo zero”. Calabro’ ha riconosciuto che “sono tempi di rigore”, ma ha sottolineato che “un rigore senza investimenti rende asfittica la ripresa”. Quello che puo’ fare il pubblico, ha detto ancora il presidente dell’Autorita’, e’ “promuovere investimenti in quegli ambiti in cui singoli operatori non considerano profittevole investire. Gli strumenti di promozione sono vari e vanno dal coordinamento delle azioni degli operatori, fino al coinvestimento e a partnership pubblico-private”. ren