ITALIA-CINA: SIAE, CINA RISPETTI DIRITTI AUTORE DI ITALIANI

 
POL:ITALIA-CINA
2010-10-07 16:02
ITALIA-CINA: SIAE, CINA RISPETTI DIRITTI AUTORE DI ITALIANI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 7 OTT – La Repubblica Popolare cinese rispetti i diritti d’autore degli artisti italiani. Lo chiede il presidente della Siae, Giorgio Assumma, che coglie l’occasione dell’anno culturale della Cina in Italia per lanciare un appello alle autorità  cinesi in visita a Roma. Gli artisti italiani che vanno in tournee in Cina, spiega il presidente della Società  italiana degli autori e degli editori, “lamentano il mancato pagamento dei diritti d’autore per l’esecuzione in pubblico e la trasmissione radiofonica e televisiva delle loro opere. E i dati dei pagamenti alla Siae “confermano questa difficile situazione”, sottolinea, “in controtendenza rispetto ad altri Paesi asiatici, in primo luogo Corea e Vietnam”. Assumma ricorda che lo scorso anno in Cina è stato “affrontato il sistema tariffario relativo alle emissioni radiotv, che si basa su percentuali (ancora tuttavia piuttosto basse) sulle entrate pubblicitarie delle emittenti. Un primo importante successo”, sottolinea. L’obbligo di pagamento dei diritti d’autore da parte delle emittenti radio televisive cinesi, però, “é stato finora disatteso”, dice. “L’unico barlume di speranza è dato dalla pubblicazione delle tariffe, in vigore dal 1 gennaio 2010, che alla Siae non ha comunque ancora portato alcun risultato tangibile”. E’ “un fatto”, conclude, che la Società  d’autori cinese (MCSC) “incontra serie difficoltà , le rimesse alla Siae sono assolutamente insufficienti a confermare l’uso del repertorio che invece incontra il favore del pubblico cinese, come dimostrano tournee trionfali di molti artisti italiani da Renzo Arbore a Bocelli”. (ANSA).
LB/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi