Editoria, New media, TLC

08 ottobre 2010 | 11:58

GOOGLE: DE BENEDETTI, SONO INVIDIOSO, MA NON SIANO PARASSITI

 
POL:GOOGLE
2010-10-08 12:52
GOOGLE: DE BENEDETTI, SONO INVIDIOSO, MA NON SIANO PARASSITI
CAPRI (NAPOLI)
(ANSA) – CAPRI (NAPOLI), 8 OTT – Carlo De Benedetti prova “grande ammirazione e invidia per chi possiede Google, ma il motore di ricerca non può vivere da parassita”. Lo ha detto lo stesso ingegnere in un intervento video al convegno ‘Giochiamoci il futuro’ organizzato da Between. “Google – ha spiegato De Benedetti – raccoglie 400 milioni di pubblicità  senza fornire alcun prodotto, ma veicolando i nostri contenuti”: insomma, ha proseguito, “non può continuare a trarre un profitto colossale dai nostri contenuti, é assurdo e non esiste”. Per questo, ha ricordato De Benedetti, in Italia stata aperta una procedura antitrust che è stata ‘copiata’ anche in Germania. (ANSA).
FP/ S0A QBXC
 
POL:GOOGLE
2010-10-08 13:23
GOOGLE: DE BENEDETTI, SONO INVIDIOSO, MA NON SIANO PARASSITI (2)
CAPRI (NAPOLI)
(ANSA) – CAPRI (NAPOLI), 8 OTT – De Benedetti ha proseguito il suo ragionamento parlando anche degli operatori di tlc, che “fanno soldi principalmente sui dati. Noi, in sostanza, gli diamo il traffico e loro neanche dicono grazie: e dovrebbe essere un grazie sentito”. Insomma, ha concluso l’ingegnere citando l’esempio di Itunes di Apple, “il principio dello sharing deve essere assicurato, si tratta di capire quale sia quello giusto”. Quanto agli scenari futuri, De Benedetti si è detto convinto che “le news saranno gratuite, perché sono commodities: si pagheranno invece i commenti”.(ANSA).
FP/ S0A QBXB