Cinema/ “Salvate James Bond”: pronta fusione Lions Gate con Mgm

Apc-Cinema/ “Salvate James Bond”: pronta fusione Lions Gate con Mgm
Appoggio del finanziere Carl Icahn: meglio così che con Spyglass

New York, 12 ott. (Ap) – Tutto pronto sull’operazione “salvate James Bond”. La casa cinematrografica Lions Gate Entertainment ha approntato un progetto di fusione e acquisizione della gloriosa ma ora dissestata Metro-Goldwyn-Mayer, o Mgm che nel suo portafoglio conta anche i film sul celebre agente segreto britannico. La proposta è stata inviata e prevede che ne esca una compagnia sostanzialmente controllata dagli azionisti di Lion e dai creditori di Mgm, tra cui il finanziere Carl Icahn. Mgm ha una voragine di debiti da 4 miliardi di dollari e, sebbene i termini dell’operazione non siano stati precisati, secondo il Los Angeles Times i creditori ne uscirebbero con il 55 per cento del capitale della nuova società .
Lo stesso Icahn appoggia la fusione, affermando che risulta più conveniente dell’altra operazione salvataggio precedentemente ipotizzata dalla Spyglass Entertainment, un’altra casa cinematografica. Lo stesso Icahn aveva ripetutamente tentato scalate su Lions nei mesi scorsi, ma i suoi progetti erano stati respinti anche grazie a un aumento di capitale chiuso che aveva coinvolto il direttore artistico di Lions, Mark Rachesky. La fusione proposta sarà  valida solo se queste azioni assegnate a Rachesky verranno convertite in bond o titoli senza diritto di voto.

Voz

121656 ott 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo