Televisione

13 ottobre 2010 | 10:03

RAI/SANTORO:RIZZO NERVO-VAN STRATEN, MASI SI ASSUMA OGNI RESPONSABILITA’

RAI/SANTORO:RIZZO NERVO-VAN STRATEN, MASI SI ASSUMA OGNI RESPONSABILITA’
(ASCA) – Roma, 13 ott – La sospensione di Michele Santoro e’ una ”decisione sbagliata ed abnorme di cui il direttore generale si assume ogni responsabilita’ che conferma, come era gia’ emerso dalle intercettazioni di Trani, la sua volonta’ di assecondare le pressioni politiche esterne per chiudere la trasmissione di Santoro. Ci chiediamo con preoccupazione in quale Paese sarebbe possibile quello che sta avvenendo in Rai: un’azione continua e destabilizzante che ha come obiettivo ormai scoperto quello di intimidire e ostacolare le trasmissioni sgradite al presidente del consiglio”. Cosi’ in una nota congiunta i consiglieri di amministrazione Rai, Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten. ”Adesso Santoro decidera’ cosa fare, da parte nostra non possiamo pero’ accettare che i tempi di attuazione di un provvedimento disciplinare, destinato peraltro ad essere annullato in sede di ricorso, possano avere come effetto la mancata messa in onda di una trasmissione di successo determinando un grave danno aziendale anche in termini di mancati ricavi pubblicitari – proseguono i consiglieri -. Nel caso in cui cio’ dovesse accadere non vi e’ dubbio che il direttore generale sara’ chiamato personalmente a risponderne. E’ consolidata prassi aziendale, infatti, che la decisione di indicare le date in cui la sospensione verra’ applicata spetta ai direttori di rete e di testata per evitare, come e’ del resto logico, che un provvedimento disciplinare possa tradursi in un danno per il funzionamento della rete o della testata”.