ANNOZERO: CDA, MAGGIORANZA CONDIVIDE DECISIONE MASI

ANNOZERO: CDA, MAGGIORANZA CONDIVIDE DECISIONE MASI
CRITICA OPPOSIZIONE; OK A MAGGIORANZA A BILANCIO SEMESTRALE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 13 OTT – Il direttore generale della Rai Mauro Masi ha riferito oggi al Cda (che si è da poco concluso a Viale Mazzini) della sospensione di dieci giorni per Michele Santoro, leggendo anche il testo della lettera inviata al giornalista. La decisione – si apprende da fonti del consiglio – sarebbe stata giudicata ‘condivisibile’ dalla maggioranza. Un dibattito, durato più di tre ore, quello su Santoro che ha impegnato il Cda nel pomeriggio (in mattinata si era riunito su altre questioni) e che avrebbe visto invece il presidente Paolo Garimberti e i consiglieri Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten esprimere la loro netta contrarietà  al provvedimento, come già  dagli stessi in anticipato nelle dichiarazioni fatte in mattinata. In particolare – sempre a quanto si apprende – da parte dei consiglieri di minoranza sarebbe stato chiesto tra l’altro di mettere a verbale chi debba rispondere di eventuali danni e sarebbe stato messo l’accento sulla necessità  di una valutazione del rapporto costi-benefici. I consiglieri di maggioranza avrebbero invece preso atto, attestando con diversi accenti la loro condivisione, dell’operato di Masi. Ma tra loro ci sarebbe anche chi non ha nascosto il timore che il provvedimento possa essere annullato dal ricorso di Santoro al collegio arbitrale interno alla Rai. Il Cda ha approvato oggi anche a maggioranza (con due voti contrari, Rizzo Nervo e Van Straten, e un astenuto, De Laurentiis) il bilancio semestrale. (ANSA).
TH/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi