Telecom I.: Bernabe’, solo 1 dollaro per salire a 58% Sofora

14 Oct 2010 08:14 CEDT Telecom I.: Bernabe’, solo 1 dollaro per salire a 58% Sofora
BUENOS AIRES (MF-DJ)–Un dollaro. E’ questo il prezzo, simbolico, che Telecom Italia ha sborsato per salire dal 50% al 58% di Sofora, holding che attraverso Nortel Inversora controlla Telecom Argentina.

“Acquisiamo il controllo di Sofora senza avere un esborso monetario” ha spiegato l’a.d. di Telecom Italia, Franco Bernabe’, dopo aver ricevuto il via libera delle autorita’ argentine all’accordo siglato con la famiglia Werthein. “Per Telecom Argentina potevamo consolidare senza tirare fuori un quattrino e ci siamo impegnati fino a portare a casa il risultato”.

“Soldi ne abbiamo pochi, ma quei pochi li spendiamo parsimoniosamente e molto bene” ha aggiunto Bernabe’, sottolineando che il consolidamento di Telecom Argentina avra’ un impatto positivo sui parametri finanziari di Telecom Italia, a partire dal livello di indebitamento.

La prudenza e l’attenzione alle opportunita’ saranno quindi le linee guida di Bernabe’. “Non ci penso nemmeno a spendere miliardi per investimenti dagli esiti incerti” ha spiegato il manager, ricordando le cessioni di partecipazioni, come ad esempio in Francia o Germania, che “non avevano potenzialita’ di crescita se non dopo investimenti colossali. Non avevano senso ne’ dal punto di vista strategico, ne’ finanziario” e quindi sono state dismesse. ren carlo.renda@mfdowjones.it

 
 
(END) Dow Jones Newswires

October 14, 2010 02:14 ET (06:14 GMT)

Copyright (c) 2010 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci