INFORMAZIONE: FNSI, SE FUNZIONA MALE SI INDEBOLISCONO DIRITTI

 
POL:INFORMAZIONE
2010-10-14 14:54
INFORMAZIONE: FNSI, SE FUNZIONA MALE SI INDEBOLISCONO DIRITTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 OTT – “Il diritto di informare non è più importante di altri fondamentali diritti umani: la salute, il lavoro, l’istruzione. Ma se il giornalismo funziona male, se sceglie le notizie non sulla base della loro rilevanza sociale ma secondo criteri emotivi o obiettivi di audience, ogni altro diritto ne risulta indebolito, e costringe i soggetti sociali oscurati a forme di protesta di tipo eccezionale per ottenere attenzione”. E’ uno dei passaggi dell’intervento di Roberto Natale, presidente della Federazione nazionale della stampa, alla conferenza internazionale sui servizi pubblici in corso a Ginevra. L’appuntamento – spiega la Fnsi in una nota – è organizzato dal Consiglio dei sindacati globali, un insieme di organizzazioni che rappresenta più di 176 milioni di lavoratori in tutto il mondo e che condivide la convinzione che i servizi pubblici siano la base essenziale per un lavoro dignitoso, per l’eguaglianza sociale, per la democrazia stessa e per la qualità  della vita di tutti i cittadini. A nome del sindacato europeo dei giornalisti, il presidente della Fnsi ha proposto alle altre organizzazioni sindacali e alle associazioni della società  civile di costruire un’alleanza per un’azione comune sui mezzi di informazione. La Conferenza di Ginevra si concluderà  in serata con l’adozione di un ‘programma d’azione che prevede tra l’altro lo sviluppo di una più incisiva strategia dei sindacati nell’approccio ai mezzi di comunicazione. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari