Editoria

18 ottobre 2010 | 14:20

GIORNALISTI: AUTONOMIA E SOLIDARIETA’, INFORMAZIONE A RISCHIO

GIORNALISTI: AUTONOMIA E SOLIDARIETA’, INFORMAZIONE A RISCHIO
(AGI) – Roma, 18 ott. – “Mai come oggi la liberta’ di informazione in Italia e’ stata a rischio. Conflitti di interesse, concentrazioni pubblicitarie, ricatti e dossier, strage di piccole testate, precarizzazione di giornalisti, declino qualitativo della Rai, inerzia del governo”. L’allarme arriva da ‘Autonomia e solidarieta”, la componente sindacale della Fnsi riunita a Fiuggi per la sua diciannovesima assemblea nazionale, che osserva: “Tutto questo accade con l’aggravante che, a partire da gennaio, sara’ consentito alle concentrazioni televisive la scalata azionaria di testate di carta stampata”. Per ‘Autonomia e solidarieta” “occorrono una grande mobilitazione dell’opinione pubblica e un intervento legislativo urgente che restituisca al paese un accettabile livello di civilta’ informativa”. La Fnsi (il sindacato dei giornalisti) ha finora fatto la sua parte, si legge in una nota, “dalla vittoriosa battaglia contro la legge sulle intercettazioni allo stretto rapporto con tanta parte della societa’ civile costruito attraverso la manifestazione di Piazza del Popolo. Un percorso da proseguire con coerenza”. Per questo, Autonomia e Solidarieta’ propone la riconferma dei vertici del sindacato, nelle persone di Franco Siddi segretario generale e Roberto Natale presidente. La componente conferma la propria organizzazione interna fondata su un portavoce (Maurizio Blasi) e un coordinamento organizzativo (Guido Besana, Ezio Cerasi, Marco Gardenghi, Rossella Matarrese, Stefano Tallia). (AGI) Com/Gav