Televisione

19 ottobre 2010 | 9:56

RAI: CELENTANO, “DITTATORE” MASI PER FAVORE SI DIMETTA

RAI: CELENTANO, “DITTATORE” MASI PER FAVORE SI DIMETTA
(AGI) – Roma, 19 ott. – Un intervento a tutta pagina sul Corriere della sera per dire quello che non va in Italia. E per Adriano Celentano tra “le tante cose non buone”, uno “dei segni, forse il piu’ inquietante di tutti, e’ quello del ‘DITTATORE (in maiuscolo nel testo originario, ndr) generale della Rai’ Mauro Masi”. Sul numero uno di viale Mazzini, il cantante si sofferma a lungo. Le sue “stranezze dell’ultima ora ricordano tanto qualcosa che ha a che fare con il periodo oppressivo e oscurantista”, ha scritto Celentano. Masi “addirittura vuole selezionare il numero degli applausi imponendo un pericoloso coprifuoco sulle espressioni che deve avere il pubblico in sala. Minacciando sanzioni ai conduttori fino alla chiusura del programma”, ha ricordato.
Dunque, ha spiegato, “anch’io, associandomi a Santoro, chiedo al DITTATORE generale della Rai non solo di non punire la trasmissione Annozero al posto di Santoro, ma soprattutto se puo’ farci il favore di dare subito le dimissioni”.
Nell’articolo, Celentano entra nell’attualita’ politica. Plaude alla “capacita’ della Fiom di portare in piazza centinaia di migliaia di persone”. Elogia la Woodstock di Beppe Grillo a Cesena, con “la purezza e la trasparenza di quei 120mila” e di un movimento la “cui voce si fa sempre piu’ fragorosa”. E riconosce a a Gianfranco Fini di essere “attualmente l’unico leader in grado di dialogare e mettere insieme, sulla via della liberta’ e della democrazia, quello che di buono c’e’ qua e la’ nei vari movimenti e partiti”. (AGI) Sab