Televisione

20 ottobre 2010 | 9:07

ANNOZERO: ZAVOLI, IN RAI SI USANO DUE PESI E DUE MISURE

ANNOZERO: ZAVOLI, IN RAI SI USANO DUE PESI E DUE MISURE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 19 OTT – “Si è continuato a coltivare la pratica dei due pesi e delle due misure, in questo caso, calcolando di poter sostituire Annozero con un programma cui applicare un più stringente vincolo normativo. Da allora la querelle si è indurita, generando una controversa incompatibilità  aziendale su cui anche Ghedini e Formigoni esprimeranno, va a loro merito, giudizi equanimi”. Lo sostiene il presidente della Commissione di vigilanza Rai, Sergio Zavoli, che nella sua consueta intervista su ‘Oggi’, torna sul caso Masi-Santoro. “Per abissale che sia la diversità  di due problemi – prosegue Zavoli -, quello ascritto a Minzolini, l’altro a Santoro, resteranno paradossalmente uniti da un pregiudizio infondato, di carattere professionale, culturale e politico: che l’un l’altro, con le rispettive trasgressioni, si forniscano l’alibi dell’impunità ! Nulla, francamente, di più ipocrita e iniquo. Non discuto i curricula – ciascuno si è solidamente affermato nei propri ambiti professionali, culturali e politici – ma distinguere un editoriale in cui è una voce sola a dire l’opinione del giornale (Minzolini) da un dibattito o da un’inchiesta (Santoro) non dovrebbe costare granché a chi volesse considerare il pluralismo una delle primarie doverosità  del servizio pubblico”. “Santoro – conclude il senatore del Pd – si è preso il diritto di occupare uno spazio della trasmissione per difendere una causa divenuta, fatalmente, personale. Avrei capito, cioé, un’altra reazione, non una replica trasformata in un atto punitivo che presupponendo non un incidente, o una caduta di tono, ma una irrituale e irriguardosa polemica con il D.G. ha suggerito al professor Masi l’adozione di una sorta di gogna mediatica… E se Santoro occupa in trasmissione, a ‘titolo personale’, uno spazio indebito, con tutto il rispetto per i superiori si fa rilevare che questi non possono poi ‘occuparne’ assai di più, e addirittura nel palinsesto, cancellando motu proprio, due serate di Annozero: privando il pubblico del dovuto e riducendo, con l’aria che tira, le risorse della pubblicità . Tanto, la nave va”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB