Televisione

25 ottobre 2010 | 9:15

RAI: FAI, AZIENDA NON VENDA PALAZZO LABIA

RAI: FAI, AZIENDA NON VENDA PALAZZO LABIA
VENEZIA
(ANSA) – VENEZIA, 24 OTT – Il Fai lancia un appello contro la vendita da parte della Rai di Palazzo Labia, uno dei più prestigiosi edifici di Venezia e sede regionale della Tv pubblica. “E’ giusto che la Rai, cioé lo Stato, cioé noi, decida di lasciare questo palazzo unico al mondo, affacciato sulla laguna per venderlo al migliore offerente e trasferirsi magari in un anonimo ufficio? – chiede la presidente del Fondo Ambiente Italia Ilaria Buitoni Borletti sulle pagine del Gazzettino – Nell’alienazione a qualche facoltoso compratore, magari straniero, di un pezzo di storia veneziana è corretto leggere i segni di una resa, di una ritirata?”. Secondo la presidente del Fai, “‘in tutto il resto d’Europa una simile vicenda avrebbe aperto, come minimo, un grande dibattito sulle città  e i centri storici, sul loro futuro e la loro identità ”. “Mi auguro che ciò avvenga anche qui da noi – prosegue Ilaria Buitoni Borletti – coinvolgendo urbanisti, sociologi, architetti, uomini di cultura, tutti i cittadini interessati in una conversazione aperta, senza pregiudizi. Questo passo indietro della Rai rischia forse di aprire una grande fuga da Venezia dello Stato e dei grandi gruppi che hanno fatto la storia imprenditoriale di questa città ? – si interroga la presidente del Fai – Di trasformare questa capitale della cultura mondiale in un deserto in affitto a hedge funds e banche?”. La domanda, insomma, che la presidente del Fai rivolge alla cultura italiana è se “Venezia o i centri urbani di tutta Italia abbiano finito la loro corsa o se siano ancora dimensioni del vivere comune, organismi viventi”. (ANSA).
BOG/