INTERNET:REGISTRO IN QUESTURA E IDENTITA’,PALETTI DL PISANU

INTERNET:REGISTRO IN QUESTURA E IDENTITA’,PALETTI DL PISANU
(V.’INTERNET: MARONI, IN CDM NORMA…’DELLE 15,35)
ROMA
(ANSA) – ROMA, 27 OTT – L’articolo 7 del decreto Pisanu sottopone circoli privati e pubblici esercizi a una serie di condizioni severe nel caso vogliano mettere a disposizione del pubblico una connessione a Internet. In particolare la registrazione presso la Questura e l’obbligo di identificare e registrare gli utenti con la carta d’identità . Il provvedimento è stato varato per mettere in campo una serie di misure per il contrasto del terrorismo. A questo scopo il decreto ha introdotto nuovi reati, come quelli di arruolamento e addestramento per finalità  di terrorismo, o di istruzione alla preparazione e all’uso di materiale esplosivo. Ha previsto misure come il prelievo coattivo della saliva per l’estrazione del Dna dei sospetti terroristi, che possono essere trattenuti fino a 24 ore (non più solo 12) per l’identificazione. E ha previsto espulsioni più facili per chi é sospettato di agevolare cellule terroristiche. Sono inoltre state predisposte misure riguardanti il controllo del traffico telefonico e di internet. In particolare per quanto riguarda i gestori di pubblici esercizi che mettano terminali internet a disposizione dei clienti, sono scattati obblighi stringenti. Il gestore deve chiedere e ottenere una specifica licenza al questore. In secondo luogo è tenuto all’identificazione certa, tramite carta d’identità  o numero di cellulare, dei clienti che vogliano accedere alla rete a mezzo wi-fi. Infine deve conservare in un apposito archivio le informazioni riguardanti il traffico effettuato (il cosiddetto ‘log’) in modo che le forze dell’ordine possano all’occorrenza consultare tali. E’ proprio di queste norme che, da più parti, si chiede il superamento per consentire un accesso più semplice e diretto alla rete.(ANSA).
BOS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G