Televisione

29 ottobre 2010 | 12:07

RAI: PIANO INDUSTRIALE; FISTEL-CISL, NO A ESTERNALIZZAZIONI

RAI: PIANO INDUSTRIALE; FISTEL-CISL, NO A ESTERNALIZZAZIONI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 29 OTT – “No a qualsiasi ipotesi di esternalizzazione”. La Fistel Cisl, “a chiarificazione delle proprie posizioni”, ribadisce “con fermezza” che la sua “linea politica, sia nei momenti di dialogo sia nei momenti di forte contrapposizione, è di rigettare qualsiasi ipotesi di esternalizzazioni quale ridimensionamento delle attività  aziendali e dei livelli occupazionali”. E quanto rileva in una nota il segretario generale Vito Antonio Vitale. Vitale annuncia che la Fistel-Cisl, “qualora rilevasse, nella normale dialettica azienda-sindacato, una parziale ed unilaterale messa in atto dell’attuazione del piano industriale da parte della dirigenza Rai, non esiterà  a mettere in campo ogni strumento sindacale efficace a scongiurare tale ‘piano’, che di fatto negherebbe ogni azione di ogni tutela dei livelli occupazionali e della valorizzazione delle professionalità  interne”. La Fistel Cisl, precisa Vitale, “é invece aperta al confronto per analizzare eventuali ipotesi di riforma che comportino un inequivocabile sviluppo per l’azienda e per i propri lavoratori”. Il segretario generale ha convocato per il prossimo 3 novembre il coordinamento nazionale Rai per “analizzare e condividere la propria linea sindacale a tutti i livelli della Cisl, le risultanze del coordinamento saranno esposte ai lavoratori Rai in ogni sede”. (ANSA).