EDITORIA: SECOLO; STORACE, OK APPELLO PERINA,GIUSTO SALVARLO

EDITORIA: SECOLO; STORACE, OK APPELLO PERINA,GIUSTO SALVARLO
NON CHIEDO CAMBIO DIRETTORE, SOLO OSPITALITA’ E RISPETTO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 29 OTT – Il leader della Destra Francesco Storace, questa mattina dal suo blog (www.storace.it) e dalle sue pagine su Facebook, risponde all’appello lanciato da Flavia Perina dalle pagine del Secolo d’Italia. “Purtroppo – scrive Storace – ci ritroviamo distanti, politicamente, da Flavia Perina, ma questo non significa che l’allarme lanciato sui rischi che corre il Secolo d’Italia ci lasci indifferente. E’ anche storia nostra, è anche storia mia”. “Se la Perina vuol dare seguito a quel che scrive oggi – sottolinea – sappia che la nostra sincerità  sarà  pari alla sua. Sono pronto a chiedere un sacrificio a tanti amici per aiutare il Secolo. Non pretendo il cambio del direttore, né di concordare titoli. Magari ospitalità  e rispetto per chi, virgoletto parole del direttore, ambisce da un diverso punto di vista a ‘rappresentare la storia della destra italiana nella sua complessita’ e nel suo valoré”. “In fondo siamo anche noi tra i giornalisti del Secolo in aspettativa non retribuita e a questa testata vorremmo restare legati. Anche a costo di animare le riunioni di redazione sulle notizie da dare, ma conoscendo e riconoscendo il valore dell’autonomia di un direttore”. “Auspico che se ne possa parlare, perché la lacerazione di un mondo antico non ha senso”. “E’ anche questo il motivo della scelta del tema della nostra manifestazione romana del 6 novembre: ri-costruire la destra di governo. Magari – conclude Storace – si comincia proprio dal Secolo a ri-parlarsi. Non piace neppure a noi il silenzio delle tracce”. (ANSA).
DEL/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari