RAI: CDR RAINEWS, NO A NOMINE ESTERNE, MASI SIA COERENTE

RAI: CDR RAINEWS, NO A NOMINE ESTERNE, MASI SIA COERENTE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 4 NOV – “Il direttore generale della Rai Mauro Masi ha annunciato l’avvio di un periodo di austerity per tutta l’azienda. Non entriamo nel merito dei provvedimenti annunciati, sui quali bene ha detto il segretario dell’Usigrai Carlo Verna. Ma ci aspettiamo che coerentemente il direttore generale annunci l’accantonamento del suo proposito di voler proporre un esterno alla direzione di Rainews”. E’ quanto afferma il cdr di Rainews, in merito ai tagli annunciati dal dg della Rai, Mauro Masi. “Prendiamo troppo sul serio le preoccupazioni sui conti dell’azienda – si legge in una nota – per pensare che un atto così scellerato in questa fase economica possa essere semplicemente ipotizzato. E contestualmente ci aspettiamo che si metta la parola fine al mobbing di fatto attuato contro Rainews e si dia finalmente corpo ai progetti di rilancio più volte annunciati”. “Apprendiamo dall’audizione in commissione parlamentare di Vigilanza del direttore della Tgr Alberto Maccari – sostiene ancora il cdr – che nei piani dell’azienda c’é una sempre maggiore sinergia tra Rainews e sedi regionali. Siamo pronti a sederci al tavolo della discussione: riteniamo che il patrimonio dell’informazione territoriale sia prezioso e decisivo per il canale all news del servizio pubblico radiotelevisivo. Quindi, ben venga un vera sinergia, fino anche a un rapporto prioritario e privilegiato. No secco invece a progetti di esproprio editoriale, come appaiono essere quelli fin qui paventati”. (ANSA).
CAS/

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi