TLC

10 novembre 2010 | 10:10

Tlc: Kroes, Italia indietro sulle nuove reti

10 Nov 2010 09:55 CEST Tlc: Kroes, Italia indietro sulle nuove reti (Stampa)
Dowjones

ROMA (MF-DJ)–In Italia sono ancora “limitati gli investimenti” nelle reti del futuro. Lo dice Neelie Kroes, commissaria europea responsabile delle nuove tecnologie di telecomunicazione, in un’intervista a La Stampa, in merito alle nuove reti in fibra ottica, aggiungendo che “sino ad oggi non ci sono stati investimenti a sufficienza. E’ una circostanza che limita la concorrenza perche’ le infrastrutture in fibra non bastano. Il problema comincia qui”.

“Sarebbe bene se un buon numero di operatori decidesse di impiegare capitale per creare nuove infrastrutture – continua -. Se pero’ nessuno e’ disposto ad investire, individualmente, in queste aree, credo la soluzione possa essere quello di uno schema equilibrato di coinvestimento. Tenendo presente che e’ cruciale rispettare le regole antitrust e la disciplina europea in materia di aiuti allo Stato”.

“Se ci fosse un coinvestimento – aggiunge – credo che la partecipazione di Telecom I., laddove non ritiene di investire in prima persona, debba essere fortemente incoraggiata”.

In merito alla situazione italiana sull’assegnazione delle frequenze alla banda larga, poi, la commissaria commenta che “l’Agcom ha presentato un piano delle frequenze che rappresenta un passo avanti. Confido che l’Italia, nel distribuire il dividendo digitale nella banda degli 800 Mhz, sara’ in linea col resto d’Europa”.

Parlando della partecipazione di Sky alla gara per il digitale terrestre, Kroes dice che “l’Agcom ci ha informato di come intende procedere e noi le risponderemo in breve. Complessivamente il mio collega Almunia e io siamo portati a pensare che l’Italia vada nella giusta direzione”.

A proposito delle critiche rivolte all’Autorita’ tlc per i prezzi dell’ultimo miglio, Kroes precisa che “la commissione ha appoggiato il modello definito dall’Agcom per calcolare i prezzi all’ingrosso. Ha verificato che i costi della rete, equivalente a circa il 70% dei costi di accesso, sono determinati in modo coerente col modello prescelto. Il dubbio sorge pero’ nella definizione dei costi di manutenzione e commerciali. Abbiamo chiesto di ricalcolarli”, conclude. (Sky Italia e’ controllata da News Corp. che controlla Dow Jones & Co. che insieme a Class E. controlla questa agenzia) red/sca

 
 
(END) Dow Jones Newswires

November 10, 2010 03:55 ET (08:55 GMT)

Copyright (c) 2010 MF-Dow Jones News Srl.