TV: ANTITRUST, SKY HA RESO INDISPONIBILI DIRITTI SU MERCATO

TV: ANTITRUST, SKY HA RESO INDISPONIBILI DIRITTI SU MERCATO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 9 NOV – “Con i suoi comportamenti, Sky ha reso indisponibili sul mercato i diritti di trasmissione televisiva dei Mondiali di calcio 2010 e 2014, in modalità  a pagamento, ad operatori concorrenti che operano su altre piattaforme trasmissive”. Questa una delle motivazioni che hanno spinto ad aprire un procedimento per presunto abuso di posizione dominante nei confronti di Sky l’Autorità  Antitrust, che conferma quanto reso noto dalla tv satellitare. “L’Autorità  Garante della Concorrenza e del Mercato – si legge in una nota -, nella riunione del 3 novembre 2010, ha deciso di avviare un’istruttoria per verificare se Sky abbia abusato della propria posizione dominante nell’acquisizione dei diritti di trasmissione dei Mondiali di calcio 2010 e 2014, in modalità  a pagamento per tutte le piattaforme trasmissive”. “Secondo l’Antitrust – prosegue il comunicato -, la decisione della società , che ha l’86% del mercato della pay-TV, di acquistare da RAI nel 2008 la titolarità  dei diritti pay sui Mondiali di calcio 2010 e 2014, in esclusiva su tutte le piattaforme trasmissive, potrebbe configurare un abuso anticoncorrenziale di natura escludente, vista la rilevanza dei contenuti nonché l’estensione dell’esclusiva”. “Al momento dell’acquisto da Rai nel 2008 – conclude la nota – era peraltro pienamente vigente il divieto imposto dalla Commissione Europea di trasmettere su piattaforme diverse da quella satellitare fino al 2012. Con i suoi comportamenti, Sky ha reso indisponibili sul mercato i diritti di trasmissione televisiva dei Mondiali di calcio 2010 e 2014, in modalità  a pagamento, ad operatori concorrenti che operano su altre piattaforme trasmissive. L’istruttoria dovrà  concludersi entro il 30 novembre 2011”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi