Bernabè: C’è Italia triviale in cui non mi riconosco, serve scatto

Apc-Bernabè: C’è Italia triviale in cui non mi riconosco, serve scatto
Non sento una reazione di rigetto

Roma, 11 nov. (Apcom) – In Italia si assiste a dei “comportamenti triviali” che ormai sono accettati socialmente. I “valori borghesi” sono stati abbandonati e non c’è nessuna reazione di “rigetto”, come se si accettasse che “tutto sia possibile”. Rivolto ai giovani studenti della Luiss, l’amministratore delegato di Telecom, Franco Bernabè, ha sottolineato: questa è una Italia “in cui non mi riconosco ed è oggi prevalente”. Per questo il numero uno di Telecom ha invitato ad uno scatto, ad una “reazione di orgoglio e di riscatto senza la quale saremo sempre più simili ad altri paesi non occidentali”. Bernabè, parlando poi della necessità  per le grandi aziende di avere un sistema di governance trasparente, ha sottolineato che l’unico modello a consentirlo è quello della public company. Quello che occorre, secondo Bernabè, deve essere infatti “la tracciabilità  delle decisioni e l’oggettività  dei criteri. Abbiamo bisogno di questo – ha detto -, ma purtroppo l’Italia è un paese poco trasparente, più corrotto di altri e offre per questo di meno. Molte decisioni sono arbitrarie e questo è il motivo per cui per i giovani ci sono poche opportunità “.

Rbr/Ral

111834 nov 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi