New media

13 novembre 2010 | 21:11

Scuola/ Alle medie statali arrivano 8 mila lavagne multimediali

Apc-*Scuola/ Alle medie statali arrivano 8 mila lavagne multimediali
In 4 mila istituti. La inglese Promethean vince la gara europea

Roma, 11 nov. (Apcom) – Una piccola-grande rivoluzione tecnologica arriverà , a partire dall’anno prossimo, nelle scuole medie pubbliche italiane. Promethean, leader mondiale nel mercato delle soluzioni interattive per la didattica e quotata da marzo 2010 alla Borsa di Londra, si è aggiudicata la più importante gara europea per la dotazione di lavagne interattive multimediali per la scuola. Per un valore complessivo di 15 milioni di euro, Promethean fornirà  e installerà  8.000 sistemi di lavagne interattive multimediali (LIM) ActivBoard+2 in circa 4.000 scuole secondarie di primo grado italiane (scuole medie). Lo annuncia la stessa azienda britannica specificando, in una nota, che il bando, gestito e finanziato da ANSAS (Agenzia Nazionale per lo Sviluppo e l’Autonomia Scolastica – ex INDIRE), prevede la fornitura e l’installazione a partire dall’inizio del 2011. Promethean e i suoi partner forniranno una soluzione ActivClassroom (classe digitale) completa, comprendente la LIM ActivBoard+2 con proiettore integrato e altoparlanti audio e il software dedicato ActivInspire. Jean-Yves Charlier, direttore generale di Promethean, ha dichiarato: “Siamo molto onorati di aver vinto questa importante gara in Italia, la terza, in ordine di tempo, nell’Europa continentale, che ha consentito l’introduzione della tecnologia interattiva Promethean nelle scuole, a conferma della qualità , della funzionalità  e dell’efficacia delle nostre soluzioni integrate”. Le lavagne multimediali Promethean sono il simbolo di un nuovo modo di fare lezione e di imparare, dalle scuole dell’infanzia fino all’università , attraverso una serie di strumenti che favoriscono la partecipazione totale degli studenti e aiutano gli insegnanti a rendere più coinvolgente la lezione. Penne magnetiche che interagiscono con lo schermo, telecomandi wireless che permettono agli studenti di rispondere dal posto, tavolette elettroniche che si sostituiscono al quaderno e dialogano con la lavagna, oltre ad un ampio numero di software dedicati ai vari insegnamenti entrano a far parte della vita di aula di tutti i giorni, sostituendosi a gessetti e cancellino.

BOL

111653 nov 10