RAI: PAISSAN (ODG), SCONCERTO PER REINTEGRO IGNAZIO SCARDINA

POL:RAI
2010-11-12 11:10
RAI: PAISSAN (ODG), SCONCERTO PER REINTEGRO IGNAZIO SCARDINA
ACCUSATO DI ASSOCIAZIONE A DELINQUERE IN PROCESSO CALCIOPOLI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 NOV – “La decisione della dirigenza della Rai di reintegrare Ignazio Scardina proprio nella funzione di redattore capo allo sport con compiti di coordinatore non può non suscitare motivati interrogativi e sconcerto, in considerazione del fatto che il collega è tuttora coinvolto nel procedimento giudiziario cosiddetto di calciopoli: procedimento per il quale a suo tempo la Commissione Etica del servizio pubblico aveva proposto il licenziamento in tronco”. E’ quanto afferma il vicepresidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, Enrico Paissan, in merito al reintegro di Ignazio Scardina, accusato di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva nel processo di calciopoli, ed in attesa di giudizio. Un ordine di servizio assegna al giornalista, che non svolgeva più le sue mansioni dal 2006, di nuovo l’incarico di redattore capo allo sport, con funzioni di coordinatore. L’inviata di Rai Sport, Francesca Sanipoli, a seguito dalla decisione ha scritto al responsabile di Rai sport Eugenio De Paoli e, per conoscenza, al segretario dell’Usigrai Carlo Verna e al presidente della Fnsi. Roberto Natale. “La decisione della dirigenza Rai è ancora meno comprensibile – prosegue Paissan – ove si ricordi che l’azienda radio-televisiva pubblica è stata ammessa quale parte civile nel processo, assieme all’inviata di Rai Sport, Francesca Sanipoli, la quale, dopo un lungo periodo di avvilimento dovuto a scorrette iniziative di dequalificazione e di emarginazione professionale, ha tutto il diritto di poter continuare ad esercitare in libertà , dignità  e serenità  la propria professione”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi