EDITORIA: ACCORDO HACHETTE-GOOGLE PER DIGITALIZZAZIONE OPERE

EDITORIA: ACCORDO HACHETTE-GOOGLE PER DIGITALIZZAZIONE OPERE
PARIGI
(ANSA) – PARIGI, 17 NOV – La casa editrice Hachette e Google hanno annunciato la firma di un accordo che fissa le clausole per la digitalizzazione da parte dell’azienda americana delle opere in lingua francese fuori catalogo i cui diritti sono controllati dall’editore transalpino. (ANSA)
Z13/ S0A QBXB

EDITORIA: ACCORDO HACHETTE-GOOGLE PER DIGITALIZZAZIONE OPERE (2)
PARIGI
(ANSA) – PARIGI, 17 NOV – L’accordo, hanno riferito in una conferenza stampa l’amministratore delegato di Hachette Livre Arnaud Nourry e il responsabile di Google Books Dan Clancy, riguarda tra 40 e 50.000 opere tra letteratura generica, testi universitari e manuali di documentazione. Il gigante del web americano realizzaerà  la versione digitale delle opere interessate, che sono ancora coperte da diritto d’autore ma non si trovano più nei circuiti commerciali tradizionali, ne conserverà  una copia nel suo database e ne fornirà  un’altra all’editore francese, che potrà  a sua volta sfruttarla. L’impatto economico dell’intesa, sottolinea il sito Internet del quotidiano Le Figaro, è in realtà  abbastanza contenuto, dato che il giro d’affari potenziale di questo tipo di opere è ridotto, ma il suo valore simbolico è molto elevato, in quanto “apre una breccia nel fronte unito degli editori francesi contro Google”. Nel dicembre scorso, il gruppo editoriale Le Seuil aveva denunciato Google per violazione dei diritti d’autore proprio in materia di digitalizzazione dei testi fuori catalogo, e il Sindacato nazionale dell’edizione si era unito alla denuncia. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari