EDITORIA: VITA, DUE ANNI DI ATTESA, ORA REGOLAMENTO CDM SIA SELETTIVO

EDITORIA: VITA, DUE ANNI DI ATTESA, ORA REGOLAMENTO CDM SIA SELETTIVO

(ASCA) – Roma, 18 nov – ”Dopo due anni di attesa e una complessa discussione avvenuta nelle competenti commissioni delle Camere il Consiglio dei ministri ha varato il regolamento proposto dal sottosegretario Bonaiuti sull’editoria. Ci attendiamo di conoscere il testo definitivo per dare un giudizio compiuto e ci auguriamo che siano state tenute nel dovuto conto le sollecitazioni emerse dalle Camere, affinché i criteri di erogazione dei contributi diventassero finalmente più selettivi, sulla base di criteri indiscutibili come l’occupazione, la vendita effettiva, e la diffusione. Il fondo per l’editoria è infatti lo strumento per tutelare l’editoria che ha meno agio dal e nel mercato. Mentre via via è diventato una forma surrettizia di assistenzialismo. E infine ci attendiamo la convocazione degli Stati generali dell’editoria per poter discutere in quella sede di una vera riforma del settore dopo la legge 416 approvata ormai quasi 30 anni fa”. Lo dichiara il senatore Vincenzo Vita, vicepresidente Pd della commissione Cultura.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari