Protagonisti del mese, Scelte del mese

19 novembre 2010 | 12:51

Una nuvola di libri

Una mano regge – sullo sfondo di un cielo blu – una rete scintillante che evoca le fibre ottiche ma ha la forma di una soffice nube trasparente. È la pubblicità  di Nuvola italiana, la piattaforma di cloud computing lanciata lo scorso settembre da Telecom Italia. Non deve essere stato facile per i creativi dell’agenzia D’Adda Lorenzini Vigorelli-Bbdo tradurre in un’immagine un concetto esoterico come quello del cloud computing. Detto in parole povere è un modo di distribuire – in particolare alle aziende e alle pubbliche amministrazioni – programmi, contenuti e servizi informatici in modalità  on demand o pay per use. L’utente usa queste risorse come se fossero sul proprio computer; in realtà  esse risiedono sui server di Telecom Italia, collegati tramite Internet.
La Rete diventa sempre più un mezzo per la distribuzione di contenuti e servizi ‘over the top’, servizi cioè non più connaturati con la Rete stessa (come ad esempio i vecchi servizi voce), ma distribuiti da piattaforme che stanno ‘al di sopra’ della Rete. I player più importanti in questo mercato sono i colossi americani che tutti conoscono, come Google, Yahoo!, Amazon, Apple; importanti piattaforme ci sono anche in Estremo Oriente; in Europa invece mancano grandi realtà  over the top. Telecom Italia vuole inserirsi da protagonista in questo mercato, popolando la sua Nuvola italiana di programmi e piattaforme distributive. “Vogliamo ritagliarci un ruolo importante nell’erogazione di questi servizi”, afferma Cesare Sironi, responsabile strategia e innovazione di Telecom Italia e amministratore delegato di Matrix, l’Internet company del gruppo.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 411 – novembre 2010