Contro i distratti

“Per combattere la più grande tragedia dell’Italia abbiamo deciso di utilizzare la più grande passione degli italiani. È per questo che abbiamo chiesto la cooperazione del mondo del calcio”. Sandro Salvati, presidente della Fondazione Ania per la sicurezza stradale, onlus delle compagnie di assicurazione, spiega così l’evento che nel weekend del 13 e 14 novembre ha coinvolto giocatori e tifosi delle partite Juventus-Roma e Lazio-Napoli come testimonial contro gli incidenti sulle strade e, in particolare, contro i rischi della distrazione al volante.
Questa nuova iniziativa s’inserisce nella campagna di comunicazione che la Fondazione Ania ha lanciato nello scorso mese di luglio con la presentazione di un’indagine demoscopica sulle abitudini degli italiani al volante, realizzata in collaborazione con l’Ipsos. “È emerso”, ha detto Salvati, “che la guida distratta viene spesso indicata come uno dei principali fattori di incidentalità  stradale. E l’obiettivo della nostra campagna ‘Pensa a guidare’ è proprio quello di sensibilizzare su questo problema e dissuadere dall’assumere condotte che possano mettere a rischio la propria vita e quella degli altri”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 411 – novembre 2010

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta