EDITORIA: DAL 4/12 A ROMA NONA EDIZIONE ‘PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI’

EDITORIA: DAL 4/12 A ROMA NONA EDIZIONE ‘PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI’

(ASCA) – Roma, 22 nov – La nona edizione di ‘Piu’ libri piu’ liberi’, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, unico appuntamento in Europa dedicato all’editoria indipendente, si terra’ a Roma al Palazzo dei Congressi dal 4 all’8 dicembre e verra’ presentata domani alle 11 al Tempio di Adriano a Roma. Oltre 400 editori e piu’ di 700 ospiti tra autori, artisti ed intellettuali animeranno nella cinque giorni di dicembre i 300 eventi in calendario per un programma con grandi ospiti internazionali, focus e appuntamenti professionali dedicati al mondo dell’e-book e al futuro del libro e della lettura e laboratori e incontri per i piu’ piccini. Alla presentazione interverranno, introdotti dal saluto del vicepresidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo, il presidente del Gruppo Piccoli editori dell’AIE Enrico Iacometti, il direttore della fiera Fabio Del Giudice, l’Assessore alle Politiche culturali e della Comunicazione del Comune di Roma Umberto Croppi, il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti. Chiudera’ la mattinata l’intervento del Sottosegretario al Ministero per i Beni e le Attivita’ Francesco Maria Giro. La fiera apre i battenti forte di dati significativi per l’editoria indipendente: una crescita del numero dei piccoli e medi editori del 6% (passati dai 2653 del 2008 ai 2794 del 2009) e un’ulteriore conferma della loro quota mercato, che arriva a coprire nel 2009 il 35,6% del canale libreria.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari