Rai/ Saviano: Ora mi fermo un po’. Maroni non doveva arrabbiarsi

Apc-Rai/ Saviano: Ora mi fermo un po’. Maroni non doveva arrabbiarsi
Roma, 29 nov. (Apcom) – Vieniviaconme è stato “un miracolo”, un “racconto civile” e “non ci aspettavamo questo successo”, “è stato bello, ma ora mi fermo”. Lo dice Roberto Saviano al Corriere della Sera: “A essere sinceri il mio vero capolavoro non sarà  fare un’altra Gomorra o una nuova trasmissione per milioni di persone, ma ricostruirmi una vita. Ce la sto mettendo tutta ma non so come andrà  a finire”.

Per Saviano, criticato da Maroni dopo le parole dello scrittore sui presunti rapporti tra criminalità  al nord e Lega, il ministro ha sbagliato ad arrabbiarsi, “io ho raccontato le inchieste. Dire che non hanno portato all’arresto di politici leghisti, che ragionamento è? Un’inchiesta racconta un clima culturale, un modus operandi”. Un ingresso in politica? “Mi colpisce la paura dei politici. Molti di loro li ho visti terrorizzati all’idea che io scegliessi di servire il Paese, e non di scendere in campo, espressione orrenda che ha infettato la comunicazione politica”, ma “non è il mio mestiere, la politica. Io mi considero un narratore. Uno scrittore di 31 anni, ecco quel che sono”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi