Editoria

29 novembre 2010 | 15:36

LIBRI: BEAT, DA GENNAIO ENTRA NEL MARCHIO ‘CAVALLO DI FERRO’

LIBRI: BEAT, DA GENNAIO ENTRA NEL MARCHIO ‘CAVALLO DI FERRO’

(AGI) – Roma, 29 nov. – “A gennaio entrerà  in ‘Beat’ anche ‘Cavallo di Ferro’. E siamo in trattativa con un altro editore indipendente molto importante…”. Lo annuncia in un’intervista al quotidiano online ‘affaritaliani.it’ Giuseppe Russo, che dal 2000 è il direttore editoriale di ‘Neri Pozza’ e che da qualche settimana è anche il direttore editoriale di ‘Beat’, ossia la ‘Biblioteca degli editori associati di tascabili’, un nuovo marchio a cui partecipano case editrici del tutto indipendenti tra loro, Minimum Fax, Neri Pozza e La Nuova Frontiera. ‘Beat’ prevede la pubblicazione delle edizioni tascabili di alcuni titoli dei tre editori. “Nel 2011 ‘Beat’ punta a un fatturato di 5 milioni di euro come minimo – spiega Russo al quotidiano online -. Finora il bestseller naturalmente è ‘La ragazza con l’orecchino di perla’ di Tracy Chevalier, non a caso la tiratura iniziale è stata di 75 mila copie. Ma è ancora troppo presto per dare numeri. Un primo bilancio si potrà  fare a marzo. Ho sentito dire che i dirigenti dei grandi gruppi sono rimasti stupiti dal lancio di ‘Beat’, vedremo…”. Sempre nell’intervista Russo fa altre rivelazioni in anteprima sulla casa editrice emergente ‘Cavallo di Ferro’, guidata dalla nota scrittrice Romana Petri (Longanesi pubblicherà  a fine febbraio il nuovo romanzo): a marzo uscirà  un libro anonimo, l’autore si firma Domingos Bomtempo, destinato a far discutere, dal titolo “Il mio Nobel privato”. Si tratta di un romanzo inventato su Saramago e sulle sue storie d’amore con le protagoniste dei propri romanzi.(AGI) Pat