Comunicazione, New media

29 novembre 2010 | 15:39

INTERNET: RODOTA’, ACCESSO A RETE SIA DIRITTO COSTITUZIONALE

INTERNET: RODOTA’, ACCESSO A RETE SIA DIRITTO COSTITUZIONALE
INIZIATIVA GIURISTA E ‘WIRED’ DURANTE INTERNET GOVERNACE FORUM
ROMA
(ANSA) – ROMA, 29 NOV – “Articolo 21-bis della Costituzione: tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parità , con modalità  tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale”: queste parole sono state scritte dal costituzionalista e giurista Stefano Rodotà , e lette oggi durante l’Internet Governance Forum di Roma. “In questa frase è contenuta una rivoluzione culturale – dice una nota – affermare il diritto a Internet quale diritto fondamentale dell’individuo, e quindi inserirlo nella carta costituzionale è quanto di più avanzato potrebbe fare la nostra classe politica, il modo migliore per festeggiare i 150 anni dell’Unità  d’Italia”. Stefano Rodotà  e il direttore di Wired, Riccardo Luna, lavorano dallo scorso marzo all’ipotesi di trasformare Internet in un diritto costituzionale con la stesura dell’articolo 21 bis. Secondo la rivista e il giurista “la Costituzione italiana é una delle più belle del mondo ma è nata in un’epoca in cui Internet non esisteva. Ora è arrivato il momento di cambiare e di scrivere che l’accesso alla Rete, il più grande mezzo di comunicazione della storia, è un diritto costituzionale. E’ vero che la prima parte della Costituzione è intoccabile ma si sottilinea che con questa proposta si amplia la sfera dei diritti e non si comprime nulla. L’articolo 21 bis potrebbe essere adottato da parlamentari di tutti i partiti e finire in commissione Affari Costituzionali”. Intanto, si è aperta una discussione e una simbolica raccolta di firme sul sito www.internetcostituzione.it
SAM/ S0A QBXB