WIKILEAKS: GRAZIE A UN ERRORE, ASSANGE E’ SFUGGITO ALL’ARRESTO

WIKILEAKS: GRAZIE A UN ERRORE, ASSANGE E’ SFUGGITO ALL’ARRESTO

(AGI/AFP) Londra, 2 dic. – Un errore nella stesura del mandato d’arresto per il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ha permesso all’australiano, che attualmente è l’uomo più ricercato al mondo, di sfuggire all’arresto. Secondo il Times, che cita fonti della polizia, i britannici sapevano esattamente dove si nascondeva Assange, nel sud-est dell’Inghilterra, ma non hanno potuto intervenire perché il mandato d’arresto svedese conteneva errori. L’Interpol ha emesso martedì un mandato d’arresto internazionale contro Assange, ricercato in Svezia per un’inchiesta per “stupro e violenza sessuale”. Il 18 novembre, infatti, il tribunale svedese aveva emesso un ordine d’arresto contro l’australiano 39enne, per “il ragionevole sospetto di stupro, violenza sessuale e coercizione”, proprio in relazione a una vicenda risalente al mese di agosto scorso. (AGI) Bia

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi