EDITORIA:AGCOM A GOVERNO,PROROGARE DIVIETO INCROCI STAMPA-TV

EDITORIA:AGCOM A GOVERNO,PROROGARE DIVIETO INCROCI STAMPA-TV
AUTORITA’, QUESTIONE IMPORTANTE AI FINI DEL PLURALISMO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 2 DIC – L’Autorità  per le Garanzie nelle Comunicazioni chiede che venga mantenuto in vigore, anche oltre la scadenza legislativamente prevista del 31 dicembre 2010, il divieto di incroci tra il settore della stampa e quello della televisione, la cui scadenza è “di particolare rilevanza ai fini del pluralismo”. La normativa prevede che “i soggetti che esercitano l’attività  televisiva in ambito nazionale attraverso più di una rete non possono, prima del 31 dicembre 2010, acquisire partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani o partecipare alla costituzione di nuove imprese editrici di giornali quotidiani”. L’Autorità , in una segnalazione decisa il 28 ottobre e pubblicata il 24 novembre sul sito, sottolinea che la scadenza “lascerebbe l’Italia sprovvista di una norma tutt’ora utile al complessivo sistema dell’informazione” e auspica che “il governo, qualora convenga sull’opportunità  della proposta avanzata, voglia porre mano ad un intervento legislativo finalizzato alla conservazione della norma che vieta gli incroci di proprietà  tra il settore televisivo e quello editoriale”. “La scadenza del divieto in questione – sostiene ancora l’Agcom – alla data ormai prossima del 31 dicembre 2010 risulta di particolare rilevanza ai fini del pluralismo, in considerazione del fatto che la televisione risulta il mezzo principale di informazione, seguita dai quotidiani, che rappresentano la seconda fonte di informazione utilizzata in Italia”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi