Tv/ Agcom definisce criteri per vigilanza rispetto pluralismo

Apc-Tv/ Agcom definisce criteri per vigilanza rispetto pluralismo
In campagna elettorale dati sul sito ogni 15 gg e ogni settimana

Roma, 3 dic. (Apcom) – L’Agcom definisce i criteri per la vigilanza sul rispetto del pluralismo politico e istituzionale nei Tg diffusi dalle reti televisive nazionali.

Per assicurare, si legge in una nota, la massima conoscenza e trasparenza delle valutazioni dell’Autorità , la delibera indica le modalità  e la frequenza del monitoraggio dei tg andati in onda nell’intero arco di programmazione con riferimento ai periodi non elettorali o referendari e durante le campagne elettorali.

In particolare, nei periodi non elettorali o referendari, i dati sono pubblicati sul sito web dell’Agcom con cadenza mensile. Le valutazioni sul rispetto del pluralismo si basano sui dati riferiti a ciascun trimestre e sui parametri costituiti dal tempo di notizia, parola e antenna. Nelle valutazioni l’Autorità  si ispira al principio della parità  di trattamento, attribuendo peso prevalente al tempo di parola di ciascun soggetto politico o istituzionale, che rappresenta l’indicatore quantitativo più valido per verificare il grado del pluralismo. Fino adesso, nei periodi non elettorali, si faceva invece prevalentemente riferimento al tempo di antenna.

Durante le campagne elettorali o referendari i dati sono stati pubblicati con cadenza quindicinale nel primo periodo della campagna e settimanale nel secondo periodo e fino alla chiusura della campagna stessa. I criteri specifici relativi alla valutazione del pluralismo informativo sono quelli definiti di volta in volta dalla Commissione parlamentare per l’indirizzo e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi e l’Autorità .

Red/Mdr

031517 dic 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi