Wikileaks/ Facebook e Twitter contro gli hacker ‘Anonymous’

pc-*Wikileaks/ Facebook e Twitter contro gli hacker ‘Anonymous’

Social network usati per organizzare l’operazione ‘Payback’

Roma, 9 dic. (Apcom-Ap) – Nella guerra cibernetica scoppiata dopo l’arresto del fondatore del sito Wikileaks, Julian Assange, i social network Facebook e Twitter si sono scagliati contro il gruppo di hacker ‘Anonymous’, che nelle ultime ore ha attaccato i siti di MasterCard e Visa, della procura svedese, di Paypal, delle Poste svizzere, del senatore ultra-conservatore Usa Joe Lieberman e dell’ex governatore dell’Alaska Sarah Palin.

Facebook ha chiuso la pagina del gruppo, precisando in una e-mail di aver agito contro contenuti che “promuovono attività  illegali”. Poche ore dopo, precisa oggi il Guardian, anche Twitter ha chiuso l’account ‘Anon_Operation’, che contava circa 22.000 utenti.

Gli hacker avevano fatto ricorso proprio a Facebook e Twitter per organizzare la loro operazione ‘Payback’ e colpire quanti sono ritenuti responsabili di azioni “contro” Wikileaks e Assange.

Sim

091050 dic 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari