Editoria

15 dicembre 2010 | 18:11

ANSA/ EDITORIA:CAMBIO A VERTICE LE MONDE, PRESTO NUOVO DIRETTORE

ANSA/  EDITORIA:CAMBIO A VERTICE LE MONDE, PRESTO NUOVO DIRETTORE
FOTTORINO PERDE PRESIDENZA CDG, IN POLEMICA CON PROPRIETARI
PARIGI
(di Chiara Rancati) (ANSA) – PARIGI, 15 DIC – Cambio al vertice per lo storico quotidiano parigino Le Monde. Il direttore Eric Fottorino è stato destituito dalla carica di presidente del consiglio di gestione, e nei primi mesi del 2011 sarà  definitivamente sostituito. Al suo posto, a capo del cdg, è stato nominato Louis Dreyfus, consigliere di fiducia di uno dei nuovi azionisti di maggioranza del giornale, il banchiere d’affari Matthieu Pigasse. Di norma, nella stampa francese, il ruolo di direttore di un quotidiano e di presidente del consiglio di direzione, figura equivalente al direttore editoriale in Italia, sono affidati alla stessa persona. Le Monde ha invece deciso, seppure in via transitoria, di scinderle, lasciando temporaneamente a Fottorino la direzione giornalistica e affidando a Dreyfus quella amministrativa e gestionale. Il nuovo direttore, precisa la società  in un comunicato, “sarà  proposto nelle prime settimane del 2011, al termine di un processo messo in atto con la Società  dei redattori di Le Monde”. Il deterioramento dei rapporti tra la direzione del quotidiano e i nuovi azionisti di maggioranza, la cordata composta dall’uomo d’affari Pierre Bergé, dal patron del provider Internet Free Xavier Niel e dal già  citato Matthieu Pigasse, era evidente ormai da tempo. Nei giorni scorsi, Fottorino aveva addirittura scritto una lettera a Dreyfus e ai rappresentanti dell’azionariato, denunciando atteggiamenti “percepiti come una persecuzione morale” da parte dei nuovi proprietari della testata, e accusando questi ultimi di non aver mantenuto gli impegni presi in occasione dell’ingresso nel capitale della società  editrice del giornale. “Questa persecuzione che mostra il proprio viso ma non dice il proprio nome è intollerabile”, scriveva Fottorino, secondo il testo del messaggio riportato dal sito Mediapart. “Devo concludere – aggiungeva – che lo scopo di tutto ciò sia disgustare i dirigenti al punto di spingerli a lasciare l’azienda, evitando così di dover pagare loro delle indennità  di licenziamento?”. L’attenzione si sposta ora sulla ricerca di un nuovo direttore per il prestigioso quotidiano. Finora, secondo quanto riportano le indiscrezioni raccolte dai media transalpini, non sembra sia stato trovato un nome capace di raccogliere il consenso necessario, e soprattutto l’approvazione del 60% dei rappresentanti della Società  dei redattori richiesta dallo statuto del giornale per ottenere la carica (ANSA)FOTTORINO PERDE PRESIDENZA CDG, IN POLEMICA CON PROPRIETARI
PARIGI
(di Chiara Rancati) (ANSA) – PARIGI, 15 DIC – Cambio al vertice per lo storico quotidiano parigino Le Monde. Il direttore Eric Fottorino è stato destituito dalla carica di presidente del consiglio di gestione, e nei primi mesi del 2011 sarà  definitivamente sostituito. Al suo posto, a capo del cdg, è stato nominato Louis Dreyfus, consigliere di fiducia di uno dei nuovi azionisti di maggioranza del giornale, il banchiere d’affari Matthieu Pigasse. Di norma, nella stampa francese, il ruolo di direttore di un quotidiano e di presidente del consiglio di direzione, figura equivalente al direttore editoriale in Italia, sono affidati alla stessa persona. Le Monde ha invece deciso, seppure in via transitoria, di scinderle, lasciando temporaneamente a Fottorino la direzione giornalistica e affidando a Dreyfus quella amministrativa e gestionale. Il nuovo direttore, precisa la società  in un comunicato, “sarà  proposto nelle prime settimane del 2011, al termine di un processo messo in atto con la Società  dei redattori di Le Monde”. Il deterioramento dei rapporti tra la direzione del quotidiano e i nuovi azionisti di maggioranza, la cordata composta dall’uomo d’affari Pierre Bergé, dal patron del provider Internet Free Xavier Niel e dal già  citato Matthieu Pigasse, era evidente ormai da tempo. Nei giorni scorsi, Fottorino aveva addirittura scritto una lettera a Dreyfus e ai rappresentanti dell’azionariato, denunciando atteggiamenti “percepiti come una persecuzione morale” da parte dei nuovi proprietari della testata, e accusando questi ultimi di non aver mantenuto gli impegni presi in occasione dell’ingresso nel capitale della società  editrice del giornale. “Questa persecuzione che mostra il proprio viso ma non dice il proprio nome è intollerabile”, scriveva Fottorino, secondo il testo del messaggio riportato dal sito Mediapart. “Devo concludere – aggiungeva – che lo scopo di tutto ciò sia disgustare i dirigenti al punto di spingerli a lasciare l’azienda, evitando così di dover pagare loro delle indennità  di licenziamento?”. L’attenzione si sposta ora sulla ricerca di un nuovo direttore per il prestigioso quotidiano. Finora, secondo quanto riportano le indiscrezioni raccolte dai media transalpini, non sembra sia stato trovato un nome capace di raccogliere il consenso necessario, e soprattutto l’approvazione del 60% dei rappresentanti della Società  dei redattori richiesta dallo statuto del giornale per ottenere la carica (ANSA)