Editoria

21 dicembre 2010 | 15:33

GIORNALISTI: ASR, PREOCCUPATI PER ISORADIO E CCISS

GIORNALISTI: ASR, PREOCCUPATI PER ISORADIO E CCISS
(ASCA) – Roma, 21 dic – La Giunta dell’Associazione Stampa Romana esprime profonda preoccupazione per quanto accaduto a Isoradio e al Cciss il giorno dell’astensione in video e voce dei colleghi della Rai. Ai giornalisti del Cciss non  è stata consentita la messa in onda dei servizi essenziali sottoscritti da Usigrai e deliberati dall’Agcom, rendendo così impossibile la lettura del comunicato sindacale come previsto dalla sentenza del 2006. Ai colleghi di Isoradio non soltanto  è stata negata la possibilità  di leggere il comunicato sindacale, ma il personale in sciopero (compresa una collega con regolare contratto giornalistico)  è stato sostituito con operatori della società  Aci, che ogni mezz’ora hanno fornito le informazioni sulla viabilità , vanificando di fatto lo sciopero dei colleghi e modificando l’organizzazione del lavoro con l’utilizzazione di personale esterno alla Azienda. La Giunta dà  mandato al segretario Paolo Butturini, in accordo con l’Usigrai, di verificare se nei comportamenti aziendali sia ravvisabile l’attività  antisindacale. La Giunta denuncia comunque l’estendersi di condotte inaccettabili da parte delle aziende editoriali che tendono a vanificare il dettato dell’articolo 34 del Cnlg e a limitare il potere di controllo dei Cdr. Un atteggiamento che va contestato con forza esigendo sempre e comunque l’integrale applicazione della norma.
com-ram/cam/rob