Wikileaks/ La Cia ha creato una task force per valutare i danni

Wikileaks/ La Cia ha creato una task force per valutare i danni
Si teme per futuro reclutamento di informatori segreti

Roma, 22 dic. (Apcom) – La Cia ha creato una task force per valutare l’impatto della pubblicazione di migliaia di documenti diplomatici Usa da parte di WikiLeaks, il sito specializzato in intelligence fondato dall’ex hacker australiano Julian Assange. Lo riporta il Washington Post. Ufficialmente il team è denominato WikiLeaks Task Force. Ma al quartier generale della Cia è conosciuto con il suo acronimo W.T.F.
Sul sito di Assange finora sono apparsi solo una manciata di documenti che riguardano direttamente la Cia, e documenti di altre agenzie resi pubblici da WikiLeaks dicono poco sugli agenti e sulle operazioni condotte dalla Central intelligence agency. Nonostante ciò, fonti della Cia hanno rivelato che l’agenzia sta facendo un esteso inventario di tutte le informazioni classificate distribuite regolarmente agli uffici distaccati in tutto il mondo. La Task Force sta poi cercando di capire se la diffusione dei documenti da parte di WikiLeaks possa aver pregiudicato in qualche modo l’abilità  della Cia di reclutare informatori segreti alla luce della crescente sfiducia nella capacità  dell’amministrazione Usa di mantenere i segreti.

Plg

221158 dic 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi